Analisi del discorso di Papa Francesco al Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede

 

Papa Francesco, nel suo ponderoso e meditato discorso agli Ambasciatori accreditati presso la Santa Sede, ricevuti in Udienza lo scorso 10 gennaio, ha segnalato le preoccupazioni e i grandi e gravi problemi del nostro tempo, alcuni circostanziali, altri assolutamente radicati. Per questo, in modo molto chiaro ha denunciato una situazione critica dell'umanità: “La diplomazia multilaterale attraversa da tempo una crisi di fiducia, dovuta a una ridotta credibilità dei sistemi sociali, governativi e intergovernativi. Importanti risoluzioni, dichiarazioni e decisioni sono spesso prese senza un vero negoziato nel quale tutti i Paesi abbiano voce in capitolo. Tale squilibrio, divenuto oggi drammaticamente evidente, genera disaffezione verso gli organismi internazionali da parte di molti Stati e indebolisce nel suo complesso il sistema multilaterale, rendendolo sempre meno efficace nell’affrontare le sfide globali. Ritengo che sia una forma di colonizzazione ideologica... che oggi assume la forma di quella cultura della cancellazione... In nome della tutela della diversità, il significato di ogni identità finisce per essere cancellato, con il rischio di mettere a tacere le posizioni che difendono un'idea rispettosa ed equilibrata di sensibilità diverse.  

Evidentemente, questo discredito della diplomazia multilaterale, che comporta la cultura della cancellazione, alla fine significa un impoverimento del dialogo e della negoziazione, e l'emergere di un'ideologia unica, predatrice della pluralità di identità e sensibilità. e rende inutili le organizzazioni internazionali a causa della loro mancanza di credibilità.

Di fronte a questo deficit, papa Francesco propone una soluzione: “La diplomazia multilaterale è chiamata ad essere veramente inclusiva, non sopprimendo ma valorizzando le diversità e le sensibilità storiche che contraddistinguono i diversi popoli. In questo modo, riacquisterà credibilità ed efficacia per affrontare le prossime sfide, che richiedono all'umanità di riunirsi di nuovo come una grande famiglia, che, pur partendo da punti di vista diversi, deve saper trovare soluzioni comuni al bene di tutti"

Papa Francesco, ovviamente, sostiene un percorso che al momento appare utopico, ma ne avverte indubbiamente l'imperativo bisogno di presentare la sua alternativa, non solo di confermare la crisi della diplomazia multilaterale. E lo fa, a partire dalla convinzione della necessità che queste istituzioni multilaterali rispondano alle sfide del nostro mondo.

Quanto ai valori che devono animare i processi diplomatici, papa Francesco chiede il riconoscimento di valori condivisi permanenti e di base, e ne augura il riconoscimento e l'accoglienza. Questi valori, senza dubbio, ricordano che danno: “solidità e stabilità a un'etica sociale… Desidero sottolineare in modo particolare il diritto alla vita, dal concepimento al suo termine naturale, e il diritto alla libertà religiosa” .  

Entrambe le preoccupazioni sono indubbiamente segnate da preoccupanti sviluppi legislativi in ​​alcuni paesi e dalla discriminazione e persecuzione degli esseri umani da parte di alcuni regimi politici a causa delle loro convinzioni religiose.

Successivamente, ha abbordato una delle sue grandi preoccupazioni. "Negli ultimi anni è cresciuta sempre di più la coscienza collettiva riguardo all'urgenza di affrontare la cura della nostra casa comune, che soffre a causa di uno sfruttamento continuo e indiscriminato delle risorse ". Citando alcuni effetti recenti in alcuni Paesi come le Filippine e altri Paesi del Pacifico: “vulnerabile per gli effetti negativi dei cambiamenti climatici, che mettono a rischio la vita degli abitanti, la maggior parte dei quali dipende dall'agricoltura, dalla pesca e dalle risorse naturali”.

 E aggiunse:“Questa scoperta è esattamente ciò che dovrebbe spingere la comunità internazionale nel suo insieme a trovare soluzioni comuni e metterle in pratica. Nessuno può essere esente da un simile sforzo, perché ci riguarda e coinvolge tutti allo stesso modo”. 

In questa prospettiva ha citato la COP26 di Glasgow: “sono stati fatti alcuni passi che vanno nella giusta direzione, anche se piuttosto deboli rispetto alla consistenza del problema da affrontare. e quindi il 2022 sarà un altro anno fondamentale per verificare quanto e come quanto deciso a Glasgow possa e debba essere rafforzato in seguito, in considerazione della COP27, prevista per il prossimo novembre in Egitto”. Indubbiamente l'eco di "Laudato si" si percepisce in queste parole di papa Francesco ai diplomatici. 

Certo, papa Francesco nel suo discorso non ha dimenticato i conflitti armati che sono vivi in ​​questo momento. “malgrado i numerosi sforzi volti ad un dialogo costruttivo tra le nazioni, il rumore assordante di guerre e conflitti si amplificano” . 

Ha passato in rassegna la situazione della Siria, dello Yemen, della Libia, episodi di terrorismo internazionale nel Sahel, conflitti interni in Sudan, Sud Sudan ed Etiopia, Ucraina e Caucaso meridionale, nei Balcani, Bosnia ed Erzegovina. In tutti indica la causa e le soluzioni. 

In merito al persistente conflitto israelo-palestinese ha detto: “Nell'ultimo anno non ci sono stati progressi nel processo di pace tra Israele e Palestina. Vorrei che questi due popoli ricostruissero la fiducia tra loro e si parlassero di nuovo direttamente in modo che possano venire a vivere in due stati, uno accanto all'altro, in pace e sicurezza, senza odio o risentimento, ma guariti dal perdono reciproco”. 

Papa Francesco ha indica chiaramente la soluzione dei due Stati, come una via verso una soluzione, ma ha denunciato il radicamento del conflitto israelo-palestinese. Senza dubbio, la sua sensibilità per la Terra Santa lo ha portato a non dimenticare questo problema già lungo e insolubile, che comporta molte sofferenze.

Né Papa Francesco ha inteso dimenticare alcune nazioni che lo toccano da vicino nel continente americano: «Le profonde disuguaglianze, le ingiustizie e la corruzione endemica, così come le varie forme di povertà che ledono la dignità delle persone, continuano ad alimentare i conflitti sociali anche nel continente americano continente, dove la polarizzazione sempre più forte non aiuta a risolvere i problemi reali e urgenti dei cittadini, soprattutto dei più poveri e vulnerabili” . 

Ha dimostra così una perfetta comprensione delle dinamiche di questi paesi, creatori di povertà e disuguaglianza.

E, ancora una volta, papa Francesco ha denunciato la causa generale dei conflitti armati: "tutti i conflitti sono facilitati dall'abbondanza delle armi a disposizione e dalla mancanza di scrupoli di chi è responsabile della loro diffusione" . In diversi forum e continuamente solleva questo problema demoniaco in un modo molto ovvio.

Le armi nucleari meritano una menzione speciale: "Le armi nucleari sono una questione di particolare interesse... Un mondo senza armi nucleari è possibile e necessario... Le armi nucleari sono strumenti inadeguati e inappropriati per rispondere alle minacce alla sicurezza nel 21° secolo e che il loro possesso è immorale . La loro  fabbricazione distoglie risorse dalle prospettive di sviluppo umano integrale e il suo utilizzo, oltre a produrre catastrofiche conseguenze umanitarie e ambientali, minaccia l'esistenza stessa dell'umanità”. 

La Santa Sede ritiene inoltre importante che la ripresa dei negoziati sull'Accordo nucleare per sopprimerli sia una realtà sempre più chiara e verificabile. Le risorse che vengono dirottate su queste armi sono meno risorse per lo sviluppo umano di molti popoli bisognosi.

Infine, papa Francesco ha ricordato ai diplomatici il recente messaggio per la Giornata mondiale della pace, celebrata il 1° gennaio, e ha presentato loro gli elementi che ritiene: “essenziali per promuovere una cultura del dialogo e della fraternità”. 

La prima: " l'educazione... È il vettore principale dello sviluppo umano integrale, poiché rende la persona libera e responsabile... l'educazione genera cultura e costruisce ponti di incontro tra i popoli".

In questo contesto, papa Francesco non si è tirato indietro, anzi ha messo in primo piano il tema della pederastia. Proprio in quegli ambiti educativi che dipendono dalla responsabilità ecclesiale: “La Chiesa cattolica ha sempre riconosciuto e valorizzato il ruolo dell'educazione nella crescita spirituale, morale e sociale delle giovani generazioni. Perciò è ancora più doloroso per me vedere che nei vari contesti educativi - parrocchie e scuole - si sono verificati abusi su minori, con gravi conseguenze psicologiche e spirituali per le persone che li hanno subiti. Sono reati sui quali deve esserci una ferma volontà di chiarire, esaminare i singoli casi per determinare le responsabilità, rendere giustizia alle vittime e impedire che simili atrocità si ripetano in futuro

Papa Francesco ha messo in evidenza tre aspetti della volontà di chiarire ogni caso “particolare”. Questo è un fatto molto importante. Non è un problema di statistiche, ma di ogni persona, di ogni circostanza. Ha affermato la volontà che sia fatta giustizia, cioè che la giustizia determini il delitto e la sua riparazione; e, infine, una seria politica preventiva affinché queste barbarie non si ripetano, ma prima si chiarisca cosa sia successo. Tuttavia, il rischio: “Nonostante la gravità di questi atti, nessuna società può abdicare alla propria responsabilità di educare” . 

Proseguendo in ambito educativo, ha affermato: “spesso, nei bilanci statali, si stanziano poche risorse per l'istruzione. Questo è visto principalmente come una spesa, mentre invece è il miglior investimento possibile”. Ha chiesto ai governanti un cambio di sensibilità riguardo al denaro che viene dedicato all'istruzione, poiché per papa Francesco è il miglior investimento possibile della società.

Nel suo intervento ha sottolineato un'idea molto importante che dovrebbe far riflettere tutti: genitori, educatori e società in generale: “La pandemia ha impedito a molti giovani di accedere ai centri educativi, a scapito del loro sviluppo personale e sociale. Molti, attraverso i moderni strumenti tecnologici, hanno trovato rifugio nelle realtà virtuali, che creano legami psicologici ed emotivi molto forti, con la conseguenza di alienarli dagli altri e dalla realtà circostante e alterare radicalmente i rapporti sociali. Con questo non sto cercando di negare l'utilità della tecnologia e dei suoi prodotti, che ci permettono di connetterci sempre più facilmente e velocemente, ma voglio sottolineare l'urgenza di essere vigili affinché questi strumenti non sostituiscano le vere relazioni umane, a livello interpersonale, familiare, sociale e internazionale. Se impari a isolarti fin dalla giovane età, sarà più difficile in futuro costruire ponti di fratellanza e di pace.

Ha sviluppa anche un secondo elemento del suo messaggio di pace, e come conseguenza delle sue preoccupazioni: “il lavoro, fattore essenziale per costruire e mantenere la pace; è espressione di sé e dei propri doni, ma è anche impegno, fatica, collaborazione con gli altri, perché si lavora sempre con o per qualcuno. In questa prospettiva marcatamente sociale, il lavoro è il luogo in cui impariamo ad offrire il nostro contributo per un mondo più abitabile e bello” .

Papa Francesco in quest'area del mondo del lavoro scende a questioni ben specifiche come conseguenza, in questo caso della pandemia, che sta colpendo gli strati più impoveriti dell'umanità :“Abbiamo visto come la pandemia abbia messo a dura prova l'economia globale, con gravi ripercussioni per famiglie e lavoratori, che stanno vivendo situazioni di disagio psicologico, prima ancora di difficoltà economiche. Inoltre, ha ulteriormente evidenziato la persistenza delle disuguaglianze in vari ambiti socioeconomici. Tra questi, l'accesso all'acqua potabile, al cibo, all'istruzione e alle cure mediche. Il numero di persone che vivono in condizioni di estrema povertà sta aumentando considerevolmente. Inoltre, la crisi sanitaria ha portato molti lavoratori a cambiare tipologia di impiego e li ha talvolta costretti ad entrare nell'economia sommersa, privandoli anche delle misure di protezione sociale previste in molti paesi.

Infine, papa Francesco ha indicato due idee davvero innovative: la prima è richiamare il valore aggiunto del lavoro umano e la seconda, il valore del lavoro come costruttore di pace: «acquista ulteriore importanza la consapevolezza del valore del lavoro, poiché non ci può essere sviluppo economico senza lavoro, né si può pensare che le moderne tecnologie possano sostituire il valore aggiunto fornito dal lavoro umano. Il lavoro è anche occasione per scoprire la propria dignità, per incontrare gli altri e crescere come essere umano; È un percorso privilegiato attraverso il quale ciascuno può partecipare attivamente al bene comune e contribuire concretamente alla costruzione della pace ”.

E la conclusione molto nello stile di papa Francesco: "La pace è un bene "contagioso", che si diffonde dal cuore di chi lo desidera e aspira a viverlo, raggiungendo il mondo intero".

Una rassegna davanti ai rappresentanti dei grandi di questo mondo per ricordare loro i grandi temi in cui sono in gioco il giusto sviluppo dei popoli e la pace. 

 

Teofilo