IL POPOLO

Il Popolo - Politica

Politica

Un “preambolo” oggi, ma con chi e perché?

Leggere la nota di Giorgio Merlo su “ il domani d’Italia” del 19 Luglio titolata: “Adesso serve un nuovo “preambolo”. Contro  i populismi”, mi fa tornare alla mente quella mattina del Febbraio 1980 a Roma,  attorno all’altare della chiesetta sconsacrata dell’ex Convento della Minerva,  sul quale Carlo Donat Cattin scrisse di pugno con la sua stilografica quello che passerà alla storia politica italiana, come “il preambolo Donat Cattin”. Eravamo presenti: Sandro Fontana, Emerenzio Barbieri, Luciano Faraguti, Pino Leccisi, e il sottoscritto.....

 

Leggi tutto...

Il fallimento delle strategie della sinistra cattolica

Gabriele Cantelli osserva che cattolici sono incapaci di riconoscere nell'ostentato populismo sovranismo “targato Salvini prima della conversione europeista” l'alibi per quella scelta di campo a sinistra perseguita dalla sinistra cattolica presente nella D.C fin dai tempi della guida dossettiana,divenuta in questi ultimi anni l' orentamento prevalente del Magistero della Chiesa cattolica per una traduzione classista della attenzione alle povertà ai primi posti nella gerarchica dei valori evangelici.

Leggi tutto...

A proposito di Camaldoli 2. Quando chi troppo vuole … (Replica di E. Bonalberti e A. Alessi)

La cronaca della prima tappa della Federazione dei Democratici Cristiani a Roma promossa con l’intento di ricomporre l’area cattolico democratica e cristiano sociale sembra di peccare di roseo ottimismo. Scrivo come spettatore da remoto di un incontro che non mi ha convinto. La mia riflessione fonda su un principio: erano presenti soggetti, i quali, nessuno di loro, aveva una idea univoca della “ricomposizione” dell’area cattolica.

Leggi tutto...

Federazione dei Democratici Cristiani: prima tappa importante

Prima tappa importante del progetto di ricomposizione politica dell’area cattolico democratica e cristiano sociale quella vissuta ieri a Roma. Dopo molto tempo si sono incontrati i rappresentanti dei diversi partiti dell’area DC con gli amici di Insieme e Rete Bianca, uniti attorno alle indicazioni del “manifesto Zamagni”. Promosso dalla Federazione Popolare dei DC, il tema del convegno era stimolante: la nuova visione del Centro politico, una nuova …… Camaldoli.

Leggi tutto...

La pangea di Letta, la traversata della Meloni, la lunga marcia di Conte e l’atollo Dc

Il rimescolamento del sistema politico generato dalla grande coalizione che sostiene Draghi sembra non avere confini nelle tattiche e nelle prospettive di lungo periodo. Mentre Salvini continua con il suo solito stile guascone a recitare due parti in commedia, nella duplice linea di partito di lotta e di governo: tutto nel segno di forte ambiguità, nell’un versante e nell’altro, non volendo correre il rischio di farsi mettere all’angolo dalla ibrida alleanza di governo.

Leggi tutto...

Prima la nostra Camaldoli, poi la costituente di centro

La Federazione Popolare DC, sul modello di quanto fecero i democratico cristiani nel 1943 con l’incontro programmatico di Camaldoli, ha deciso di organizzare il nostro seminario per il programma: “La nuova “visione” del centro politico- Una nuova….Camaldoli”, che si terrà il prossimo 19 Giugno a Roma. E' indispensabile confrontarci sul programma; sulla proposta, cioè, che, come DC e Popolari, intendiamo offrire agli italiani per corrispondere alle attese soprattutto dei ceti medi produttivi e delle classi popolari, quelle che Giorgio La Pira definiva: “le attese della povera gente”.

Leggi tutto...

Dobbiamo rafforzare l'unità nella Democrazia Cristiana, partito aperto

Sono cicliche e ricorrenti le proposte perché venga ripreso il cammino  di riaggregazione per condurre a unità tutte le esperienze che si rifanno ai valori dei democratici cristiani. Mario Tassone ha proposto una grande Assemblea congressuale coinvolgendo tutti, ripristinando la dicitura di "Unione dei democratici cristiani e di centro". L’intento è quello di uscire dal cono d'ombra. Secondo il Presidente del Consiglio Nazionale della DC, Renzo Gubert, rilanciare il succedaneo UDC dopo che pur esso si sia spappolato e abbia fornicato (con suoi leader) con altre identità politico-ideologiche-personalistiche, non pare una strada né attrattiva, né razionale.

Leggi tutto...

Ora al centro ritroviamoci noi, tutti insieme

Se la politica è l’arte con cui si tenta di dare risposte a livello istituzionale agli interessi e ai valori prevalenti in un dato contesto storico politico, culturale  e sociale, a me pare che in questa fase dominata a livello globale dal finanz-capitalismo, gli interessi e i valori del terzo stato produttivo e di quelli popolari, molto difficilmente potranno essere rappresentati da questa nuova compagine politica. In tutta la nostra storia nazionale, dall’unità d’Italia in poi, senza il contributo decisivo delle componenti di area democratico popolare e cristiano sociale, ispirate dalla dottrina sociale della Chiesa, il nostro Paese ha conosciuto solo crisi e difficoltà.

Leggi tutto...

La Democrazia Cristiana scrive una "Lettera-aperta" ai cristiani di Torino

La Democrazia Cristiana torinese ha indirizzato una “Lettera-aperta” ai cristiani di Torino chiamati alla urne il prossimo autunno per rinnovare il Consiglio Comunale e il nuovo Sindaco. Sulla scheda elettorale vi sarà lo Scudo-Crociato della Democrazia Cristiana, il partito che si ispira alla Dottrina sociale della Chiesa. La DC torinese è persuasa che l’impegno politico, non canalizzato in un partito organizzato e popolare, resta subalterno a una visione padronale e oligarchica della politica, supina e compiacente nei confronti del pensiero unico, estraneo ai veri bisogni popolari.

Leggi tutto...

Ritorna la Democrazia Cristiana nel padovano

Nella splendida cornice dei Colli Euganei, nei pressi di Villa dei Vescovi, venerdì 21 maggio è stata presentata la ricostituita Democrazia Cristiana nel territorio padovano. Il progetto politico è stato esposto dall’on. Luigi D'agrò, dall’ on. Dino Secco nonché dal dott. Alessio Righele, Commissario DC per Padova e provincia. Hanno dominato la scena tematiche scomparse dal dibattito politico e che hanno coinvolto e catalizzato l’attenzione dei presenti. Ne è emerso il lavoro intenso ma indispensabile che attende la rinata DC: riportare alla luce il fiume carsico che lungo le sue rive permetterà nuovamente il rifiorire della città degli uomini, lambita da un nuovo umanesimo.  

Leggi tutto...