IL POPOLO

Il Popolo - Attualità

Attualità

Cosa si intende per identità di genere?

La disussione sul DDL Zan, oltre alla problematica relativa alla libertà di espressione e al giorno 17 maggio quale giornata nazionale in cui si promuoverà la cultura del rispetto e dell’inclusione e il contra­sto dei pregiudizi motivati dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere, con intervennti nelle scuole di ogni ordine e grado, reca con se una ancora ambigua proposta in ordine alla identità di genere. L'identità di genere riguarda il sentirsi uomo o donna: identità che non deve coincidere obbligatoriamente con quella biologica: ci si può, per esempio, sentire uomo in un corpo da donna, o viceversa (si parla in questo caso di disforia di genere). L’identità di genere è la percezione che una persona ha di sé come appartenente al genere femminile o maschile anche se opposto al proprio sesso biologico; per cui non si è maschio o femmina in base al dato oggettivo di natura, ma in base alla percezione soggettiva di come ci si sente al momento. L’obiettivo è «instillare» sin dalla più tenera età questa idea di uomo: fluida e in fieri.

Leggi tutto...

Europa abbraccia l'Africa a Roma, il 1° luglio 2021

Civiltà dell’Amore sostiene che lo sviluppo socio – economico nel Sud del mondo possa efficacemente esse-re realizzato mediante politiche di sostegno alla creazione e sviluppo di microimprese locali, i cui attori protagonisti siano gli stessi soggetti che, dovrebbero beneficiare di aiuti umanitari. In altre parole, la proposta è di utilizzare risorse economiche e finanziarie generate in paesi ricchi non per trasferire beni di prima necessità ai paesi poveri, ma per trasferire la capacità di generare ricchezza attraverso organizzazioni imprenditoriali di piccola dimensione.

 

Leggi tutto...

DC e UDC: simbolo comune a Torino

La Democrazia Cristiana e l’Unione di Centro si ritrovano a Torino, in previsione delle elezioni amministrative, sotto un simbolo comune. Esso propone in grande evidenza lo scudo crociato sturziano, che, dal 1919, ha rappresentato prima i popolari e in seguito i democristiani. Con questa scelta torinese si dà concreta attuazione, alla vigilia di un importante appuntamento elettorale, ai propositi manifestati in occasione del centounesimo anniversario della fondazione del Partito Popolare Italiano, calandoli nella realtà dell’attuale momento storico.

Leggi tutto...

II° Incontro Internazionale dei Politici Cattolici a Madrid. "Una cultura dell'incontro nella vita politica per il servizio dei nostri popoli”

L' Accademia dei Responsabili Cattolici insieme all'Arcidiocesi di Madrid e con il sostegno dalla Fondazione Konrad Adenauer promuovono il II Incontro Internazionale dei Cattolici con responsabilità politiche che si terrà dal 3 al 5 settembre prossimo nella città di Madrid, Spagna, dedicato al tema "Una cultura dell'incontro nella vita politica per il servizio dei nostri popoli”. L'incontro sarà aperto dal cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, con la conferenza: Cultura dell'incontro e amicizia civica in un mondo in crisi.

Leggi tutto...

"Il riformismo di Gianni De Michelis". Un libro di Gennaro Acquaviva

Il libro a cura di Gennaro Acquavivia sarà presentato giovedì 19 giugno a Venezia con la partecipazione di qualificati e competenti Ospiti, i quali contribuiranno a mettere in evidenza, appunto, "Il riformismo di Gianni De Michelis". Il leader socialista è stato deputato dal 1976 al 1994, ministro delle Partecipazioni Statali dal 1980 al 1983, ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale dal 1983 al 1987, vicepremier dal 1988 al 1989 e ministro degli Affari Esteri dal 1989 al 1992.

Leggi tutto...

Le contraddizioni

Il sistema migliore per governare è quello di dividere, una vecchia regola: spezza il Paese ma consente il potere. L’Italia è la metafora di ciò che non funziona. Che il Paese, grazie anche alla pandemia, sia diviso è indubbio. Emerge tutto ciò che non va. L’insipienza si paga e noi l’abbiamo pagata carissima.

Leggi tutto...

Sarà proporzionale o maggioritario?

Tutti sappiamo che le emergenze sono altre. Sociale, economica e, purtroppo, ancora sanitaria. Ma sappiamo, altresì, che la politica non si può arrestare e prosegue il suo cammino, anche se accidentato e sempre più balbettante. Un esempio calzante, al riguardo, riguarda proprio la legge elettorale, la madre di tutte le leggi, per dirla con un grande cattolico democratico, Mino Martinazzoli. Purtroppo noi sappiamo, ormai da tempo, che le leggi elettorali sono il frutto delle convenienze momentanee e dell’opportunismo di partito in quel particolare momento politico.

Leggi tutto...

Una politica ferma al palo

La politica italiana sembra ferma, ristagnante. Il governo Draghi ha messo a tacere tutti sulle cose serie. Sulle stupidaggini, che si becchino pure. Questo governo anomalo, ma essenziale, in un silenzio non usuale, che fa disperare i cronisti, fa.  Non fa annunci, previsioni, futurologia. Non si tengono più Consigli di ministri alle 22 .00 di notte, preceduti da “vertici” infiniti, fatali, con le stesse persone, sviluppando la politica del gerundio (stiamo facendo, stiamo pensando, stiamo preparando). Questo governo fa.

Leggi tutto...

Robert Schuman venerabile?

Robert Schuman, considerato uno dei padri dell'Europa odierna, potrebbe essere dichiarato venerabile nel prossimo mese di luglio. Il quotidiano francese Le Point ha rivelato che il Vaticano dovrebbe riconoscere uno dei padri fondatori dell'Europa, Robert Schuman, come "venerabile" il prossimo luglio, il che sarebbe un primo passo verso la sua beatificazione. Aprendo la strada alla santità di questo ministro della secolare Repubblica Francese, Papa Francesco cerca anche di riabilitare la politica: fare dell'impegno disinteressato alla res publica un atto supremo di carità.

Leggi tutto...

La morte di Aldo Moro

Quella foto con il Presidente, alle cui spalle vi è lo stendardo della stella a cinque punte è, già di per sé, l'immagine di uno Stato, se non sconfitto, quantomeno ferito. Quei giorni, da come raccontatomi, pure da esponenti della corrente Morotea (Mario Tassone e Nino Gemelli, in primis), sono stati, veramente "La notte della Repubblica", una notte che a tutt'oggi è fitta, eppure se l'impegno dei popolari e democratici cristiani si rinverdira' (non dimenticando mai l'esempio di Moro) potremo, in questo caso senza disgrazie, noi tutti dire: "...e quindi uscimmo a riveder le stelle" (Dante Alighieri)". 

Leggi tutto...