IL POPOLO

Il Popolo - Chiesa

Chiesa

FRATELLI TUTTI - Conclusione

Non c'è dubbio che la proposta di Fratelli Tutti, sia nella Chiesa che nel nostro mondo, sia condannata a essere un documento che lentamente dinamizzerà un modo contro-culturale di essere cittadino e cristiano. La spiritualità del Buon Samaritano è una spiritualità del cuore, l'unico capace di avvicinarci a chi soffre con un cuore misericordioso. Saremo capaci noi cristiani di prendere il programma di questa enciclica e contagiare nel nostro ambiente, a partire dalle nostre azioni quotidiane, questa cultura, questo modo di vivere di Gesù, il Buon Samaritano? 

Leggi tutto...

FRATELLI TUTTI - Capitolo 8 - Le religioni al servizio della fraternità nel mondo

L’ultimo capitolo di questa Enciclica è dedicato alle religioni e al loro ruolo al servizio della fraternità. Le religioni raccolgono secoli di esperienza e di sapienza, e dunque devono partecipare al dibattito pubblico così come la politica o la scienza (cfr 275). La violenza non trova il suo fondamento nelle convinzioni religiose, ma nelle loro deformazioni. Gli atti tanto "esecrabili" quanto gli atti terroristici, quindi, non sono dovuti alla religione, ma ad interpretazioni errate di testi religiosi, nonché a politiche di fame, povertà, ingiustizia, oppressione.

Leggi tutto...

FRATELLI TUTTI - Capitolo 7 - Percorsi di un nuovo incontro

Di grande attualità in un mondo lacerato da violenze e guerre, è il messaggio del capitolo 7, “Percorsi di un nuovo incontro” (225-270) dal quale emerge come una proposta di itinerario per la riconciliazione dei popoli laddove “c’è bisogno di artigiani di pace disposti ad avviare processi di guarigione e di rinnovato incontro con ingegno e audacia”.  Il Papa riflette sul valore e sulla promozione della pace e sottolinea che essa è legata alla verità, alla giustizia e alla misericordia.

Leggi tutto...

FRATELLI TUTTI - Capitolo 6 - Dialogo e amicizia sociale

Dai verbi che si sono rincorsi nella lettera enciclica Fratelli Tutti se ne ricava un fonema portante: dialogo. Nasce anche il concetto di vita come "arte dell'incontro" con tutti, anche con le periferie del mondo e con i popoli nativi, perché "qualcosa si impara da tutti, nessuno è inutile. Parlare della “cultura dell'incontro” significa che come popolo ci appassiona cercare di ritrovarsi, cercare punti di contatto, costruire ponti, proiettare qualcosa che includa tutti.

Leggi tutto...

FRATELLI TUTTI - Capitolo 5 - La migliore politica

Una vera perla dell’Enciclica è il capitolo V, “La migliore politica” (154-197), quella posta al servizio del vero bene comune (cfr 154), che dovrebbe essere oggetto di attento studio da parte della nostra classe politica e di chi si interessa del bene comune e del governo della cosa pubblica. Una delle forme di carità più, preziose perché è al servizio del bene comune e conosce l'importanza delle persone, intesa come categoria aperta, disponibile al confronto e al dialogo.È anche compito della politica trovare una soluzione a tutto ciò che viola i diritti umani fondamentali, come l'esclusione sociale; il traffico di organi, tessuti, armi e droga; sfruttamento sessuale; lavoro schiavo; terrorismo e criminalità organizzata. Forte è l'appello del Papa ad eliminare definitivamente la tratta, la "vergogna per l'umanità" e la fame, che è "criminale" perché il cibo è "un diritto inalienabile".

Leggi tutto...

FRATELLI TUTTI - Capitolo 4 - Un cuore aperto al mondo intero

Il quarto capitolo dell'enciclica Fratelli tutti: “Un cuore aperto al mondo intero” (128-153), sviluppa alcune delle conseguenze dell'affermazione centrale dell'intero documento: tutti gli esseri umani sono fratelli. Come tutte le grandi verità, anche questa è ricca di conseguenze pratiche. Basta metterla in relazione ad alcuni problemi del nostro tempo, perché questi si illuminino di nuova luce e si comincino a trarre nuove soluzioni. Questo è ciò che fa il Papa in questo quarto capitolo. Se non si vuole ridurla a mera astrazione, la verità della fratellanza universale “pone una serie di sfide che ci allontanano, ci costringono ad assumere nuove prospettive e sviluppare nuove reazioni” (128).

Leggi tutto...

FRATELLI TUTTI - Capitolo 3 - Pensare e generare un mondo aperto

Papa Francesco dedica il capitolo terzo di Fratelli tutti a Pensare e generare un mondo aperto. Comprende 40 numeri ed è uno dei più lunghi dell'intero documento. Si può dire che in esso il Papa pone le basi dottrinali di tutta la sua esposizione. Da qui il suo interesse. Il capitolo inizia con alcune parole del Concilio Vaticano II che richiamano uno degli insegnamenti più belli e profondi di san Giovanni Paolo II nella prima delle sue encicliche. "L'essere umano, scrive Papa Francesco, è fatto in modo tale che non si realizza, non si sviluppa, né può trovare la sua pienezza" se non è nella dedizione sincera di sé agli altri" (87).

Leggi tutto...

Messaggio del Santo Padre Francesco ai Partecipanti al Convegno Internazionale per il Centenario dell'appello "A tutti gli Uomini Liberi e Forti" di Don Luigi Sturzo

Papa Francesco ha indirizzato una Lettera ai partecipanti al Convegno Internazionale per il centenario dell’appello “A tutti gli uomini liberi e forti”. E’ datata 13 giugno 2019, ma è quanto mai prezioso recuperare questo documento del Santo Padre che fa splendida memoria di don Luigi Sturzo. Egli scrisse che per don Luigi Sturzo il compito di informare cristianamente la vita sociale e politica appartiene soprattutto ai laici cristiani che, attraverso il proprio impegno e nella libertà che loro compete in tale ambito, attuano gli insegnamenti sociali della Chiesa, elaborando una sintesi creativa tra fede e storia che trova il suo fulcro nell’amore naturale vivificato dalla grazia divina. 

Leggi tutto...

Se il sale perde il suo sapore

Si rincorrono con una certa frequenza notizie catastrofiche sulla Chiesa e sul Pontificato di Papa Francesco. Si scrivono articoli su quotidiani; si pubblicano libri, si rilasciano interviste che hanno un solo denominatore comune: la denigrazione gratuita. I cosiddetti “titolisti” poi ci sguazzano alla grande: Il giugno nero della Chiesa - La Chiesa brucia: crisi e futuro del cristianesimo - La Chiesa appare annichilita – Nella sua solitudine il pontificato di papa Francesco precipita verso un doloroso fallimento – Questo pontificato è finito in un vicolo cieco - La vita religiosa è in stato comatoso – Devastante il bilancio della pratica liturgica domenicale – Le vocazioni ormai in caduta libera – I vescovi sono allo sbando.

Leggi tutto...

Basta illazioni e menzogne!

Da troppo tempo certa stampa ripropone a scadenze fisse la teoria secondo la quale Papa  Benedetto XVI non si sarebbe mai dimesso. Costoro motiverebbero tale convincimento con le seguenti argomentazioni: il testo della declaratio contiene vistosi errori di latino e il riferimento al fatto che Papa Benedetto avrebbe lasciato l’esercizio del ministerium, ma non il munus. Vediamo di riflettere su queste e altre questioni con obbiettiva pacatezza.

Leggi tutto...