Messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato – No ai "nazionalismi chiusi e aggressivi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Siamo chiamati a sognare insieme. Non dobbiamo aver paura di sognare e di farlo insieme come una sola umanità, come compagni di uno stesso viaggio, come figli e figlie di questa stessa terra che è la nostra casa comune, tutti fratelli e sorelle ”. "Verso un noi sempre più grande " è il titolo del messaggio del Papa per la 107a Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Un nuovo tentativo di papa Francesco di coniugare la Chiesa in prima persona plurale e di tracciare “un chiaro orizzonte per il nostro comune cammino in questo mondo”.

Un “noi” che è “all'inizio e alla fine” della storia della Salvezza, ma che mostra un presente, segnato dalla pandemia, in cui “ il che abbiamo voluto da Dio è spezzato e frammentato, ferito e sfigurato”.

I nazionalismi chiusi e aggressivi e l'individualismo radicale spezzano o dividono il noi , sia nel mondo che all'interno della Chiesa”, denuncia il Papa, che lamenta come “il prezzo più alto sia pagato da chi può più facilmente diventare altri : stranieri, migranti, gli emarginati, che abitano le periferie esistenziali ”.

 

Siamo tutti sulla stessa barca

Tuttavia, afferma il Santo Padre Francesco, "siamo tutti sulla stessa barca e siamo chiamati a impegnarci affinché non ci siano più muri che ci separano, che non ce ne siano più altri , ma uno solo noi , grande come tutta l'umanità".

Per questo ci invita a costruire "una Chiesa sempre più cattolica ", sempre più universale, per essere "capace di abbracciare tutti per creare comunione nella diversità, armonizzando le differenze senza mai imporre un'uniformità che spersonalizzi".

"Nell'incontro con la diversità di stranieri, migranti, rifugiati e nel dialogo interculturale che può nascere, ci viene data l'opportunità di crescere come Chiesa, di arricchirci a vicenda", spiega il Papa, che afferma che "Ogni persona battezzata , ovunque si trovi, è membro a pieno titolo della comunità ecclesiale locale, membro dell'unica Chiesa, residente nell'unica casa, membro dell'unica famiglia”.

 

Per una Chiesa inclusiva

Siamo quindi chiamati a impegnarci " affinché la Chiesa sia sempre più inclusiva ". "Oggi la Chiesa è chiamata ad uscire per le strade delle periferie esistenziali per curare chi è ferito e cercare chi si è smarrito, senza pregiudizi o paure, senza fare proselitismo, ma desideroso di ampliare lo spazio del suo deposito per accogliere tutti" .

Tra coloro che abitano le periferie, sottolinea Papa Francesco, “troveremo tanti migranti e rifugiati, sfollati e vittime di tratta”, che rappresentano “ una nuova frontiera missionaria ”.

"L'incontro con migranti e rifugiati di altre confessioni e religioni è terreno fertile per lo sviluppo di un dialogo ecumenico e interreligioso sincero e arricchente" , aggiunge il Pontefice, che rivolge il suo appello "a tutti gli uomini e le donne del mondo" a "camminare" insieme verso di  noi che diventiamo più grandi, per ricomporre la famiglia umana, per costruire insieme il nostro futuro di giustizia e pace, assicurando che nessuno sia escluso”.

Ed è che “il futuro delle nostre società è un futuro 'pieno di colore' , arricchito dalla diversità e dalle relazioni interculturali. Ecco perché dobbiamo imparare oggi a vivere insieme, in armonia e pace ”, creando uno spazio“ dove tutti i popoli sono uniti, in pace e armonia, celebrando la bontà di Dio e le meraviglie del creato ”.

 

Impegno personale e collettivo

"Ma per realizzare questo ideale, dobbiamo tutti sforzarci di abbattere i muri che ci separano e costruire ponti che favoriscano la cultura dell'incontro , consapevoli dell'intima interconnessione che esiste tra noi", conclude il Papa, che esige che l'Umanità "diventare un  siamo sempre più grandi, sempre più corresponsabili, con la ferma convinzione che il bene che facciamo al mondo lo facciamo alle generazioni presenti e future".

“È un impegno personale e collettivo, che si prende cura di tutti i fratelli e le sorelle che continueranno a soffrire mentre cerchiamo di raggiungere uno sviluppo più sostenibile, equilibrato e inclusivo. Un impegno che non fa distinzione tra locali e stranieri, tra residenti e ospiti, perché è un tesoro comune, dalla cui cura, oltre che dai cui benefici, nessuno deve essere escluso”.  

 

Teofilo