Piattaforma d'azione Laudato sì':, un viaggio di sette anni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Da molto tempo questa casa che ci ospita ha sofferto delle ferite che noi provociamo a causa di un atteggiamento predatorio , che ci fa sentire padroni del pianeta e delle sue risorse e ci autorizza ad un uso irresponsabile dei beni che Dio ha ci ha dato ”. Ha detto il Papa lanciando oggi, tramite videomessaggio, una serie di iniziative per i prossimi sette anni con cui coinvolgere tutti gli attori sociali nell'ecologia integrale.

"Oggi queste ferite si manifestano drammaticamente in una crisi ecologica senza precedenti che colpisce il suolo, l'aria, l'acqua e, in generale, l'ecosistema in cui vivono gli esseri umani", ha aggiunto successivamente Papa Francesco, all'indomani del sesto anniversario dell'enciclica Laudato sì' , quando si è chiuso l'anno speciale dedicato alla lettera 2015, convocato lo scorso anno.

In linea con i suoi ultimi discorsi, il Papa ha affermato che “l'attuale pandemia ha anche portato alla luce ancora più acutamente il grido della natura e quello dei poveri , che sono quelli che soffrono di più, dimostrando che tutto è interconnesso e interdipendente e che la nostra salute non è separata dalla salute dell'ambiente in cui viviamo”.

"Abbiamo quindi bisogno di un nuovo approccio ecologico che trasformi il nostro modo di abitare il mondo, i nostri stili di vita, il nostro rapporto con le risorse della Terra e, in generale, il nostro modo di vedere l'essere umano e di vivere la vita", ha affermato.

Così, per il Papa, “un'ecologia umana integrale, che coinvolga non solo le questioni ambientali ma anche l'uomo nel suo insieme, diventa capace di ascoltare il grido dei poveri e di essere lievito per una nuova società.

"Abbiamo una grande responsabilità, soprattutto con le generazioni future. "Che mondo vogliamo lasciare ai nostri figli e ai nostri giovani?", Si è chiesto, prima di lanciarsi: "Il nostro egoismo, la nostra indifferenza e la nostra irresponsabilità minacciano il loro futuro!".

“Rinnovo quindi il mio appello: prendiamoci cura della nostra madre Terra, superiamo la tentazione dell'egoismo che ci rende predatori di risorse, coltiviamo il rispetto per i doni della Terra e del creato, inauguriamo uno stile di vita e una società finalmente ecosostenibile: abbiamo la possibilità di preparare un domani migliore per tutti ”, ha affermato nel videomessaggio.

Dalle mani di Dio abbiamo ricevuto un giardino; non possiamo lasciare ai nostri figli un deserto. Dalle mani di Dio abbiamo ricevuto un giardino. Non possiamo lasciare ai nostri figli un deserto”, ha ricordato.

Così, il Papa ha poi affermato che dopo l'anno speciale dedicato all'enciclica che si è concluso ieri, l'iniziativa si tradurrà da oggi in “un progetto d'azione concreto, la Piattaforma d'azione Laudato sì', un viaggio di sette anni in cui le nostre comunità ci si adopererà in modi diversi per diventare pienamente sostenibile, nello spirito di un'ecologia integrale ”.

“Vorrei quindi invitare tutti ad intraprendere insieme questo cammino e, in particolare, mi rivolgo a queste sette realtà: famiglie - parrocchie e diocesi - scuole e università - ospedali - aziende e tenute agricole - organizzazioni, gruppi e movimenti - istituzioni religiose ", ecc.

Papa Francesco ha chiesto di "lavorare insieme" poiché " solo in questo modo possiamo creare il futuro che vogliamo: un mondo più inclusivo, fraterno, pacifico e sostenibile ".

“In un viaggio che durerà sette anni, ci lasceremo guidare dai sette obiettivi della Laudato sì', che ci indicheranno la direzione nel perseguire la visione dell'ecologia integrale: la risposta al grido della Terra, la risposta al grido dei poveri, l'economia ecologica, l'adozione di uno stile di vita semplice, l'educazione ecologica, la spiritualità ecologica e l'impegno comunitario.

Per concludere, il Papa è stato ottimista e ha affermato che “c'è speranza” e che “tutti possiamo collaborare, ciascuno con la propria cultura ed esperienza, ciascuno con le proprie iniziative e capacità, affinché nostra madre Terra ritrovi la sua originaria bellezza e creazione. E risplenderà secondo il piano di Dio”.

 

TEOFILO