Il Presidente eletto Mattarella: “Sono a disposizione anche se avevo altri programmi". Ma "accetto per senso di responsabilità, che deve prevalere su prospettive personali"

 

"Ringrazio i presidenti di Camera e Senato per la comunicazione. Desidero ringraziare i grandi elettori per la fiducia espressa nei miei confronti. I giorni difficili per l'elezione in questa crisi che stiamo ancora attraversando richiamano al senso di responsabilità e di rispetto per le decisioni del Parlamento. Questo richiede di non sottrarsi all'impegno a cui si è chiamati, questo prevale su prospettive personali".

Sono state queste le prime parole di Sergio Mattarella, dopo che il Presidente della Camera aveva letto il verbale della avvenuta elezione con un suffragio pari a 759 voti. Un plebiscito di voti, secondo solo a Sandro Pertini che nel 1978 era stato eletto con 832 preferenze. Una decisione di grande generosità nei confronti del Paese.

L’Aula della Camera gli ha dedicato un lunghissimo applauso (forse anche psicologicamente liberatorio!) di quasi 5 minuti, tra i più lunghi che la storia della Repubblica italiana possa ricordare in occasione dell’elezione del Capo dello Stato.

Il Presidente della Repubblica eletto ha proferito in realtà poche, ma assai significative parole, spiegando di accettare la decisione dei grandi elettori per senso di responsabilità nei confronti di un Paese gravato dalla crisi pandemica ed economica.

Congratulazioni al Presidente Sergio Mattarella per la sua rielezione sono state espresse dal Santo Padre Francesco: “Desidero porgere le mie cordiali felicitazioni per la sua rielezione alla suprema carica della repubblica italiana e formulare i migliori auguri per lo svolgimento del suo alto compito, che ha accolto con spirito di generosa disponibilità. In questi tempi caratterizzati dalla pandemia, in cui si sono diffusi molti disagi e incertezze, specialmente nell’ambito lavorativo, ed è aumentata, insieme alla povertà, anche la paura, che porta a chiudersi in se stessi, il suo servizio è ancora più essenziale per consolidare l’unità e trasmettere serenità al paese. Le assicuro la mia preghiera, affinché possa continuare a sostenere il caro popolo italiano nel costruire una convivenza sempre più fraterna e incoraggiarlo ad affrontare con speranza l’avvenire. I santi Patroni d’Italia la accompagnino e intercedano per lei”.

Il Presidente americano ha scritto:  “Ho apprezzato il nostro incontro a Roma lo scorso ottobre e non vedo l'ora di proseguire i nostri sforzi per rafforzare ulteriormente i legami fra Stati Uniti e Italia e la partnership transatlantica e per dare risposte alle sfide globali comuni". Joe Biden, presidente Stati Uniti.

Ursula von der Leyen in un tweet ha scritto: «Caro presidente Mattarella, congratulazioni per la sua rielezione a presidente della Repubblica Italiana. L'Italia puo' sempre contare sull'Ue».

Il tweet del Presidente francese Emmanuel Macron esprime: «Congratulazioni, caro Sergio, per la tua rielezione. So che posso contare sul tuo impegno per mantenere viva l'amicizia tra i nostri paesi e l'Europa unita, forte e prospera che stiamo costruendo».

Il presidente della Conferenza Episcopale Italiana, cardinale Gualtiero Bassetti in un messaggio ha scritto: «ll suo esempio di uomo e di statista, lo spirito di servizio e di sacrificio manifestato anche nella presente circostanza, costituiscono un punto di riferimento per tutti i cittadini al di là delle appartenenze politiche e degli schieramenti»