Cosa fa il Papa per la pace in Ucraina? Tutto questo... e altro ancora

 

"Sono pronto a fare tutto ciò che deve essere fatto", ha detto a più riprese papa Francesco da quando è iniziata la fatidica invasione russa dell'Ucraina in risposta a coloro che lo criticano perché ritengono che non stia agendo con sufficiente determinazione ed energia al fine di contribuire alla fine della guerra. 

È davvero così? Non sta facendo del suo meglio? Molti si domandano: Perché non vai in Ucraina, dove bramano la tua presenza?

Il suo atteggiamento nel non menzionare Putin non è una dimostrazione di una presunta armonia? Perché ci ha messo così tanto a lungo per usare la parola "invasione"?
Persone vicine al Santo Padre Francesco affermano che la sua preoccupazione per una possibile invasione russa dell'Ucraina è iniziata alla fine dello scorso anno, quando ha ricevuto la visita di un prestigioso presidente che è andato a salutarlo perché stava lasciando l'incarico e lo ha avvertito che Putin era determinato ad attaccare. 

Sebbene fin dall'inizio del suo pontificato parli dell'esistenza di una “terza guerra mondiale a pezzi”, non si aspettava un conflitto nella stessa Europa, come avrebbe ammesso dopo il suo scoppio. 

Ma di fronte a una miriade di segni che preannunciavano il peggio, ha indetto una Giornata di digiuno e preghiera per la pace da celebrarsi il 2 marzo, mercoledì delle Ceneri, in cui i cristiani iniziano il tempo della Quaresima.

Il giorno dopo l'inizio degli attentati, Papa Francesco è andato a trovare l'ambasciatore russo presso la Santa Sede, Alexander Avdeev, per esprimere il suo sgomento. Gesto insolito perché quando i Pontefici vogliono parlare con un diplomatico lo convocano. 

Lo stesso giorno ha chiamato il presidente dell'Ucraina, Volodomir Zelensky, per mostrare solidarietà al popolo ucraino. Il 6 marzo ha disposto l'invio in Ucraina di due cardinali per esprimere la loro solidarietà agli ucraini e fornire assistenza materiale: l'elemosiniere apostolico, Konrad Krajewski - che farà diversi viaggi - e il prefetto del ministro dello Sviluppo umano, Michael Czerny. Inoltre, quel giorno iniziò a chiedere a gran voce l'apertura di corridoi umanitari e l'accesso ai rifornimenti.  

Allo stesso tempo, la diplomazia vaticana aveva avviato trattative riservate con i governi di Russia e Ucraina per promuovere un negoziato. A cui si è aggiunta una rilevante videoconferenza del Papa con il Patriarca ortodosso russo, Kirill. 

Perché, come ha fatto notare Papa Francesco, in fondo le due nazioni in guerra sono cristiane. Kirill, inoltre, è molto in sintonia con Putin e, di fatto, giustifica l'invasione, che considera un'operazione militare difensiva. Il rapporto tra il Vaticano e l'Ortodossia russa non è mai stato facile, ma papa Francesco ha raggiunto uno storico disgelo nel 2016 incontrando Kirill all'Avana, nel primo incontro dei capi di entrambe le Chiese dal Grande Scisma d'Oriente nel 1054.

Nel corso dei giorni, l'Occidente ha aggiunto sanzioni economiche alla Russia e ordinato la spedizione di armi in Ucraina. 

Ciò ha portato il Santo Padre Francesco - timoroso di un prolungamento dei tempi e di un'estensione geografica della guerra - ad avvertire il 25 marzo: È pazzesco. La vera risposta non sono le armi, più sanzioni, o più alleanze politico-militari, ma un approccio diverso, un modo diverso di governare il mondo ormai globalizzato e non 'scoprire i denti' come adesso”. 

Già a fine febbraio aveva parlato della "logica diabolica delle armi" favorite dal commercio di armi, che dall'inizio del suo pontificato non si è stancato di condannare e aveva chiesto che "tacessero".

Ma forse la dichiarazione più forte di Papa Francesco è stata all'inizio di aprile, durante la sua visita a Malta. Lì non solo considerava "sacrilega" l'invasione russa, ma faceva anche un'allusione a Putin quando parlava di "qualche persona potente, tristemente rinchiusa nelle pretese anacronistiche degli interessi nazionalisti, che provoca e fomenta conflitti". Sul volo di ritorno a Roma, ha ammesso ai giornalisti quello che tutti presumevano: gli sforzi diplomatici del Vaticano per fermare la guerra guidati dal Segretario di Stato cardinale Pietro Parolin.  Non si può pubblicare tutto quello che si fa, per prudenza, per riservatezza, ma siamo al limite del nostro lavoro”, ha detto.

Le parole di Papa Francesco sono sempre state accompagnate da gesti. Il 6 marzo aveva visitato 19 bambini ucraini, vittime di guerre e gravi malattie, ricoverati all'ospedale vaticano “Bambino Gesu”. 

Durante l'udienza generale del 6 aprile, ha prodotto un forte segnale baciando una bandiera ucraina portatagli da Bucha, la città massacrata dalle forze russe. 

E il 15 aprile, in occasione della Via Crucis del Venerdì Santo, una donna ucraina e una russa hanno portato la croce alla penultima stazione, evento criticato in Ucraina ma che ha finito per essere molto toccante.

Una delle questioni più controverse è un eventuale viaggio del Papa in Ucraina. Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, lo ha invitato il 15 marzo. E sette giorni dopo il presidente Zelensky. 

In un'intervista con il giornalista Joaquín Morales Solá per il quotidiano La Nación, pubblicata il 22 aprile, Papa Francesco si chiedeva "a che cosa servirebbe andare a Kiev se la guerra continuasse il giorno successivo". Inoltre, ha avvertito che il viaggio potrebbe essere controproducente se dovesse irritare la Russia: "Non posso fare nulla che metta a rischio obiettivi più alti che siano la fine della guerra, una tregua o, almeno, un corridoio umanitario", ha spiegato.

Quanto a non citare Putin, il Papa Francesco ha chiarito: "Un papa non nomina mai un capo di Stato, tanto meno un Paese". In effetti, Giovanni Paolo II - che si oppose fermamente all'attacco statunitense all'Iraq nel 1991 - non ha mai menzionato il presidente George Bush, né ha menzionato il dittatore iracheno Saddam Hussein. 

D'altra parte, nel libro "Contro la guerra: il coraggio di costruire la pace", che raccoglie il suo pensiero sul conflitto e che è stato presentato il 29 aprile a Roma, il Pontefice afferma che l'Ucraina "è stata invasa", descrizione respinta da Mosca e posticipata dal Papa per dare spazio agli sforzi di dialogo del Vaticano.

Infine, il 3 maggio, Papa Francesco ha fatto sapere che, prima di recarsi in Ucraina, la sua priorità sarebbe quella di recarsi a Mosca

In una intervista al Corriere della Sera, ha rivelato che "20 giorni dopo l'inizio della guerra gli ho chiesto (al cardinale Parolin) di inviare a Putin il messaggio che sono disposto ad andarlo a trovare per ricercare una via d'uscita dal conflitto". Dopo aver sottolineato che “è necessario che il leader russo conceda qualche finestra”, ha lamentato che “finora non abbiamo avuto risposta e stiamo insistendo; Putin non può o non vuole tenere un incontro in questo momento". E ha concluso: “Sono sacerdote, faccio quello che posso. Se Putin aprisse la porta…”

Infine, con vera preoccupazione e tristezza, Papa Francesco si è chiesto “si cerca davvero la pace?”.

E’ è il suo grande traguardo, la sua sfida più difficile.

 

***